Paolo Spalla. Gioielli e Sculture

Onorificenze

Gioiello di Valenza

L'Oro e la Memoria

Gioielli. Collezioni etnografiche

La tradizione preziosa

  •  

  •  

  •  

  •  

  •  

  •  

  •  

  •  

  •  

  •  

  •  

 

Paolo Spalla. Gioielli e Sculture

Un pensiero locale che diventa globale.....

 

Valenza, Palazzo Valentino

22 dicembre 2018 - 3 febbraio 2019

 

"Con Spalla, che ha diviso la sua vita di creatore tra gioielli e sculture, tra azienda e il più libero atteggiamento creativo, si assiste alla ricostruzione di un ideale che guarda retrospettivamente molto lontano" (dal testo in catalogo di Ugo Nespolo).

Prima mostra retrospettiva sul percorso artistico di Paolo Spalla (1935-2010), orafo/artista/designer, nato a Valenza, interprete riconosciuto del più comune e umile tra i frammentii naturali, il sasso, che egli raccoglieva lungo il greto del fiume Po. Novanta opere tra gioielli e sculture raccontano, attraverso un dialogo serrato, la sua intensa ricerca formale, iniziata a metà degli anni Sessanta, e le sue sfide tecniche e tecnologiche.

In mostra le opere principali: Preistoria, Embrione, Greto, Riflusso, Monte di Venere, Nucleo, Soilidi, Sibili, Concetti.

Cura della mostra e del catalogo Lia Lenti

Ente promotore: Comune di Valenza

Con il patrocinio del Ministero per i beni e le attività culturali

Organizzazione: Assessorato alla Cultura/Biblioteca Civica

Progetto grafico: Danilo Seregni

Progetto di allestimento: Studio CMT/ Laura Morreale

 

 

 

   

 

Paolo Spalla. Gioielli e Sculture

Un pensiero locale che diventa globale.....

 

Valenza, Palazzo Valentino

22 dicembre 2018 - 3 febbraio 2019

 

"Con Spalla, che ha diviso la sua vita di creatore tra gioielli e sculture, tra azienda e il più libero atteggiamento creativo, si assiste alla ricostruzione di un ideale che guarda retrospettivamente molto lontano" (dal testo in catalogo di Ugo Nespolo).

Prima mostra retrospettiva sul percorso artistico di Paolo Spalla (1935-2010), orafo/artista/designer, nato a Valenza, interprete riconosciuto del più comune e umile tra i frammentii naturali, il sasso, che egli raccoglieva lungo il greto del fiume Po. Novanta opere tra gioielli e sculture raccontano, attraverso un dialogo serrato, la sua intensa ricerca formale, iniziata a metà degli anni Sessanta, e le sue sfide tecniche e tecnologiche.

In mostra le opere principali: Preistoria, Embrione, Greto, Riflusso, Monte di Venere, Nucleo, Soilidi, Sibili, Concetti.

Cura della mostra e del catalogo Lia Lenti

Ente promotore: Comune di Valenza

Con il patrocinio del Ministero per i beni e le attività culturali

Organizzazione: Assessorato alla Cultura/Biblioteca Civica

Progetto grafico: Danilo Seregni

Progetto di allestimento: Studio CMT/ Laura Morreale

 

 

 

   

 

Copyright Tutti i diritti riservati | p.iva 02486930064