Onorificenze

Gioiello di Valenza

L'Oro e la Memoria

Gioielli. Collezioni etnografiche

La tradizione preziosa

  • Presentazione al pubblico

  • Lia Lenti, Amedeo Corio Presidente del Museo Leone e Anna Rosso direttrice

  • Vetrina delle raggiere

  • vetrina dei tremolini e delle spighe

  • Visita alla mostra

 

La tradizione preziosa

Filigrane vercellesi al Museo Leone

 

Vercelli, Museo Leone

19 maggio - 24 giugno 2007

 

"A San Germano abbiamo osservato un costume molto leggiadro tra le ragazze e le donne di ogni età...alludo all'uso di portare spilli e spilloni d'argento dietro i capelli lunghi legati con uno stretto nastro nero e divisi in due trecce" (Marianne Baillie, scrittrice e viaggiatrice inglese, 1818).

Con questa mostra la ricca collezione di filigrane vercellesi del Museo Leone è stata studiata, restaurata e riallestita nelle Sale di Palazzo Langosco. Raggiere di spilloni, spadini e spuntoni, cercini, gale, stelle, burletti, tremolini, cascate, spighe, tutto il ricco repertorio tipologico delle acconciature preziose femminili in usi nel territorio vercellese la classi popolari e borghesi, è stato descritto e raffigurato fin dall'inizio del XIX secolo in quanto uno dei più ricchi e sontuosi d'Europa. Per poterli eseguire in grandi dimensioni garantendo la leggerezza necessaria gli orafi vercellesi si specializzarono nella tecnica della filigrana divenendone maestri provetti e rinomati anche fuori dai confini italiani. All'inizio del XX secolo, ormai in disuso, questi ornamenti vennero collezionati da Elisa Poma Borgogna e negli anni Trenta, grazie alla riorganizzazione delle collezioni d'arte dei musei vercellesi sovraintesa da Vittorio Viale, le filigrane giunsero al Museo Leone.  

Progetto e cura della mostra: Lia Lenti

Allestimento: Lia Lenti, Amedeo Corio, Anna Rosso, Enrica Ballaré

Restauri: Valeria Borgialli

Collaborazioni e contributi: Associazione Amici dei Musei di Vercelli, Vercelliviva, Regione Piemonte, Provincia, Comune e Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli.

 

La tradizione preziosa

Filigrane vercellesi al Museo Leone

 

Vercelli, Museo Leone

19 maggio - 24 giugno 2007

 

"A San Germano abbiamo osservato un costume molto leggiadro tra le ragazze e le donne di ogni età...alludo all'uso di portare spilli e spilloni d'argento dietro i capelli lunghi legati con uno stretto nastro nero e divisi in due trecce" (Marianne Baillie, scrittrice e viaggiatrice inglese, 1818).

Con questa mostra la ricca collezione di filigrane vercellesi del Museo Leone è stata studiata, restaurata e riallestita nelle Sale di Palazzo Langosco. Raggiere di spilloni, spadini e spuntoni, cercini, gale, stelle, burletti, tremolini, cascate, spighe, tutto il ricco repertorio tipologico delle acconciature preziose femminili in usi nel territorio vercellese la classi popolari e borghesi, è stato descritto e raffigurato fin dall'inizio del XIX secolo in quanto uno dei più ricchi e sontuosi d'Europa. Per poterli eseguire in grandi dimensioni garantendo la leggerezza necessaria gli orafi vercellesi si specializzarono nella tecnica della filigrana divenendone maestri provetti e rinomati anche fuori dai confini italiani. All'inizio del XX secolo, ormai in disuso, questi ornamenti vennero collezionati da Elisa Poma Borgogna e negli anni Trenta, grazie alla riorganizzazione delle collezioni d'arte dei musei vercellesi sovraintesa da Vittorio Viale, le filigrane giunsero al Museo Leone.  

Progetto e cura della mostra: Lia Lenti

Allestimento: Lia Lenti, Amedeo Corio, Anna Rosso, Enrica Ballaré

Restauri: Valeria Borgialli

Collaborazioni e contributi: Associazione Amici dei Musei di Vercelli, Vercelliviva, Regione Piemonte, Provincia, Comune e Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli.

 

Copyright Tutti i diritti riservati | p.iva 02486930064